Internet of Things (IoT)

Come è evoluto lo scenario applicativo dell’Internet of Things (IoT) in Italia? Quanto vale il mercato IoT in Italia nel 2012 e quali sono le potenzialità di sviluppo nei prossimi anni?Qual è lo stato dell’arte delle tecnologie abilitanti l’IoT?

Come è possibile fare leva sulle tecnologie IoT per rendere più “Smart” le città? Qual è il valore di una infrastruttura di comunicazione condivisa tra più servizi a livello urbano, sviluppata secondo il paradigma IoT? Quale ruolo giocano le novità sul fronte Smart Metering Gas in questo scenario?

Quale contributo possono fornire le soluzioni IoT nell’aumentare la “sostenibilità” degli edifici? Quali sono i benefici generati?

 

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta all’Evento di presentazione della Ricerca dell’Osservatorio Internet of Things, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con il Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria.

Nel suo secondo anno di attività, l’Osservatorio Internet of Things si è concentrato principalmente sui seguenti obiettivi:

  • individuare i progetti più interessanti avviati in Italia e all’estero;
  • analizzare l’evoluzione delle soluzioni tecnologiche e dei relativi standard;
  • misurare il livello di diffusione dei progetti di Internet of Things in Italia;
  • stimare il valore del mercato in Italia, con riferimento alle soluzioni basate su tecnologia di comunicazione cellulare;
  • approfondire il valore delle soluzioni Internet of Things nel contesto delle “Smart City” e dei “Sustainable Building”.

La Ricerca presenta approfondimenti verticali su due temi specifici:

  • Smart City: costruire una “Smart Urban Infrastructure” in grado di abilitare diversi servizi per la città del futuro;
  • Sustainable Building: tecnologie e valore per rendere più sostenibili gli edifici (risparmio di risorse, sicurezza, salubrità ambientale).

I risultati della Ricerca saranno discussi con i principali player di questo mercato (Telco, Service & Technology Provider, Utilities, etc.).

Per iscriversi visita questa pagina.

Agenda Digitale

Agenda Digitale, le priorità dei partiti

In un convegno organizzato a Milano, i rappresentanti delle principali coalizioni candidate si sono confrontati con i docenti del Politecnico sul ruolo del digitale per lo sviluppo del Paese

(articolo di Alessandro Longo del 18 febbraio 2013)

Infrastrutture banda larga, più risorse alle start up e il coraggio di fare davvero la Pa digitale. Sembrano queste le priorità su cui concordano i principali partiti, in particolare PD, Pdl, Scelta Civica. Tutti si dichiarano d’accordo che l’Agenda digitale debba essere una priorità del prossimo Governo: una questione trasversale, non un tema verticale, perché è importante per il rilancio dell’economia italiana. Vale ben 70 miliardi di euro.

Per leggere l’intero articolo

Cittadini e Smart City

Mettere i cittadini al centro del tavolo per risolvere il puzzle della smart city. Nel 2050 il 75 per cento della popolazione globale vivrà nelle città. Per iniziare a risolvere il puzzle delle smart city, propongo di mettere i cittadini al centro del tavolo e porre attenzione ai seguenti tasselli: dai dati alle informazioni design-localizzate; infrastruttura pubblica potenziata dal cloud; sorveglianza o emancipazione; innovazione guidata dai cittadini; cooperazione per le soluzioni intelligenti. E ce ne sarebbero tanti altri… Continua

Read More