Per predisporre la componente di safety di un Piano di Emergenza per eventi e manifestazioni l’organizzatore (che può essere chiunque, da un comune ad un’associazione, da un ente ad un’azienda) deve

  • definire dove si svolgerà l’evento e quante persone parteciperanno, attrezzandosi per evitare che questo limite venga superato, questo serve per dimensionare le misure di sicurezza e di safety ed evitare che il sovraffollamento le vanifichi
  • individuare e distinguere i percorsi di entrata ed uscita dal luogo dell’evento ed evidenziarli: questo è necessario sia per tenere sotto controllo il numero di partecipanti che per evitare in caso di emergenza che ci siano vie di fuga ingombre
  • predisporre un adeguato sistema di informazione e comunicazione che esponga reiteratamente cosa fare e dove andare in caso di emergenza
  • allocare un numero di addetti alla sicurezza coerente con la quantità di visitatore ed il livello di rischio specifico della manifestazione.

Fatto tutto questo l’organizzatore si confronterà tendenzialmente con il Comando della Polizia Locale che, a sua volta farà da trait d’union con le Forze dell’Ordine e la prefettura per definire anche la componente di security del piano…

La nostra soluzione è pensata per rendere il tutto semplice e perfettamente aderente alla normativa… Stiamo ancora aspettando che qualcuno ci chiami per dirci che ha impiegato più di 4 ore per fare la prima versione del piano di safety…