Nella Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 novembre 2012 “Indirizzi operativi volti ad assicurare l’unitaria partecipazione delle organizzazioni di volontariato all’attività di protezione civile” (pubblicata sulla G.U. del 1° febbraio 2013http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_prov.wp?toptab=2&contentId=LEG37466#top-content) sono state introdotte alcune importanti disposizioni relative all’impiego dei Volontari di Protezione Civile.

Se un Comune viene interessato da “Eventi a rilevante impatto locale” (par. 2.3.1) – non ricadenti nelle altre categorie di Rischio – si potrà attivare il Piano di Protezione Civile, istituire temporaneamente il C.O.C. e impiegare le Organizzazioni di Volontari nella gestione dell’evento come supporto per lo svolgimento dei  compiti previsti dal Piano, purché gli eventi stessi siano individuati come scenari all’interno del PEC.

Questa condizione costituisce il presupposto fondamentale ed imprescindibile per l’eventuale concessione dei benefici previsti dalla legge (art. 9 e 10 ex DPR 194/2001 – http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_prov.wp?contentId=LEG20554).