Prevenzione Emergenze e Metafisica, nuvole e sogni.

invenzione inutile 2Nell’era delle smartcities, dei big data e degli open data, fare un piano d’emergenza comunale cartaceo o dis-aggregato è il miglior modo per amplificare i rischi.

Avere il piano di emergenza cartaceo è come voler telefonare con una palla da bowling: specie durante un’emergenza è difficile comporre il numero da chiamare.

Fare un piano cartaceo e dis-aggregato (quindi non aggiornabile e non condivisibile e suddiviso in più componenti) è inutile. Inutile come una ruota quadrata.

Il fatto che non ci siano sanzioni per tanta arretratezza non può essere una scusa: la tecnologia costa poco, pochissimo, e certi discorsi sono chiacchiere da bar se l’investimento (minimale) riduce il rischio di danni a persone o cose.

E’ ora di cambiare passo, di rendersi conto che i siti comunali devono essere

  • il luogo della prevenzione vera e on line,
  • il luogo in cui conoscere cosa fare e dove andare se…,
  • il luogo in cui tutto è aggiornato 365 giorni all’anno.

Basta coi piani comunali chiusi nei cassetti, basta con piani che nascono già superati e fatti di cento pezzi tra loro separati: la prevenzione è on line o non è, è cloud o non è, è unica ed accentrata o non è.