Piano di Emergenza Comunale

Nuove funzionalità GPEM e GPEC

Migliorato il sistema di pianificazione di Eventi e Manifestazioni con la possibilità di suddividere l’Evento in diverse giornate e calcolare in automatico il numero di Addetti alla Sicurezza ed il Piano Sanitario che individua numero di Ambulanze e Sanitari da prevedere utilizzando l’algoritmo di Maurer – algoritmo particolarmente diffuso per la valutazione dei potenziali rischi legati ai grandi eventi -, inclusa nella sezione Organizzazione del programma:

Aggiunta dei Varchi tra le risorse per la redazione del Piano di Emergenza. Con i varchi è possibile individuare ‘posti di blocco’ verso zone particolari, come località soggette a maremoti, esondazioni o crolli; disponibili inoltre la voce Percorsi per persone o mezzi, ad esempio spazzaneve, oltre ai Percorsi dedicati in particolare ai Minori.

Infine, i capitoli “Supporto Psicosociale” per i Minori e “Formazione e Informazione” sono ora inclusi e vengono stampati automaticamente nel PEC.

I Piani di Emergenza Comunale nella Provincia di Roma

Stando ai dati pubblicati dal Dipartimento di Protezione Civile il 17 dicembre 2013, soltanto 153 dei 378 comuni del Lazio sono dotati di un Piano di Emergenza Comunale. A fronte della media nazionale del 76%, nel Lazio il 40% dei comuni ha redatto il PEC. Tale percentuale deficitaria si abbassa ulteriormente nel caso della Provincia di Roma, nella quale appena il 38% dei Comuni ha provveduto alla redazione del Piano di Emergenza. Nella mappa che segue vengono presentati nel dettaglio i 46 Comuni che hanno provveduto alla redazione del Piano al 17 dicembre 2013.