Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 aprile 2021

07 Luglio 2021

6 luglio 2021: la Presidenza del Consiglio emana una nuova Direttiva sui Piani di Protezione Civile
Image is not available

Pubblicata sulla Gazzetta ufficiale n. 160 del 6 luglio 2021 la Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 aprile 2021 recante “Indirizzi per la predisposizione dei piani di protezione civile ai diversi livelli territoriali".
La finalità della direttiva è quella di omogeneizzare il metodo di pianificazione di protezione civile ai diversi livelli territoriali per la gestione delle attività connesse ad eventi calamitosi di diversa natura e gravità, secondo quanto indicato nell’allegato tecnico che ne costituisce parte integrante e sostanziale.
I Comuni devono impegnarsi ad aggiornare il Piano entro dodici mesi dalla pubblicazione di questa direttiva, secondo gli indirizzi Regionali.

ModuliSAE

24 Giugno 2021

Rilasciato nuovo aggiornamento TEGIS per il Piano di Protezione Civile
Image is not available

La particolare situazione del comune di Amatrice ha sollevato una serie di riflessioni confluite nel nuovo aggiornamento della suite TEGIS. È infatti ora possibile l'inserimento di Aree apposite per l'individuazione delle zone adibite al posizionamento dei Moduli Abitativi Provvisori (SAE), cosicché anche chi si trova a dover abitare un alloggio temporaneo sia incluso nelle valutazioni di rischio necessarie per la sicurezza della popolazione.
Collaboriamo con Amatrice accompagnandoli nel ritorno alla normalità, aiutandoli ed aiutandoci a migliorare gli strumenti che agevolano questa fase dell'Emergenza, a sostegno di ogni comune e contro ogni emergenza, nello spirito di condivisione dell'innovazione e delle soluzioni alla base di TEGIS.

Infiorata2021

14 Giugno 2021

Infiorata 2021 in sicurezza a Genzano di Roma
Image is not available

Nei mese di giugno 2021 nel Parco Sforza Cesarini di Genzano di Roma si è svolta un’esposizione di quadri infiorati e una mostra fotografica a ricordo della Tradizionale Infiorata.
Noi di Servizi Professionali Innovativi siamo stati presenti a questa manifestazione con il Servizio di Security Management e con il "Piano di Emergenza Eventi e Manifestazione" preparato con la suite TEGIS, per poter permettere all'evento di svolgersi in totale sicurezza secondo le norme vigenti e in conformità con le misure in materia di contenimento della pandemia.
Non una manifestazione grandiosa come quella del 2019, ma un chiaro passo verso la normalizzazione successiva alla pandemia.

Afragola

10 Maggio 2021

Approvato il “Piano di Protezione Civile" della Città di Afragola realizzato con il supporto della Suite TEGIS
Image is not available

Approvato con deliberazione Commissariale del 06/05/2021 il nuovo Piano di Protezione Civile (PPC) della Città di Afragola.
Grazie al supporto dei tecnici e all'utilizzo della suite TEGIS, la Città di Afragola ha provveduto ad aggiornare il proprio Piano, sostituendolo a quello in vigore dal 2001.
Tutte le informazioni presenti nel vecchio Piano sono state recuperate con un'attività di digitalizzazione ed utilizzate come base informativa per la creazione del nuovo Piano di Protezione Civile, adeguadolo così alle norme vigenti e alle necessità di un territorio in continuo mutamento.
Da ora in poi il PPC sarà modificabile direttamente dagli uffici del comune e consultabile dalla popolazione dal sito di Afragola.

Alert_protciv

06 Maggio 2021

Allarmi della Protezione Civile trasmessi in tempo reale nel "Piano per la popolazione" di TEGIS
Image is not available

I clienti TEGIS possono già presentare all'interno del loro sito un estratto del piano della Protezione Civile.
Ora all'interno di questo piano trovano anche un nuovo pannello che indica in tempo reale gli allarmi meteo (temporali, rischio idrogeologico ed idraulico) segnalati sul loro territorio.
Le informazioni si aggiornano in tempo reale e arrivano direttamente dalla Protezione Civile.
Come tutti gli aggiornamenti dei prodotti SPI, anche questa nuova funzionalità è immediatamente disponibile per tutti i clienti.

PEI

27 Aprile 2021

Rilasciato nuovo aggiornamento TEGIS lato PEI
Image is not available

Aggiunta la lista dei rischi per nascondere/visualizzare le aree di rischio e resa dinamica la lista delle persone rispetto alle operazioni di inserimento e modifica dei dati.
Gli aggiornamenti rispondono alle osservazioni dei nostri clienti e saranno disponibili a tutti i possessori di questo modulo.

Amatrice

23 Aprile 2021

Il Comune di Amatrice digitalizza e gestisce Il Piano di Protezione Civile con TEGIS
Image is not available

Il Comune di Amatrice ha scelto la piattaforma TEGIS per il proprio Piano di Protezione Civile. La scelta si basa sulla grande elasticità della piattaforma che può essere costantemente aggiornata acquisendo dati aggiornati frequentemente da fonti comunali, propri di una realtà che sta via via tornando alla normalità. TEGIS accompagna il percorso di ricostruzione della Resilienza.

Comuni Pugliesi

28 Marzo 2021

ServiziPI progetta con 10 comuni pugliesi l’adeguamento del Piano di Protezione Civile in ambito idrogeologico e le proposte ottengono i massimi punteggi
Image is not available

Regione Puglia ha annunciato l’elenco dei progetti che saranno finanziati in relazione all’aggiornamento dei piani comunali con riferimento al rischio idrogeologico”. 5 dei nostri progetti sono stati valutati nei primi 10 (i primi 3, il sesto ed il nono) e gli altri 5 nei primi 30 su 140. Ogni comune avrà una piattaforma che oltre a produrre il Piano di Emergenza e di Protezione Civile comunale, con un solo click, gestisce l’intero ciclo dell’emergenza (prevenzione, gestione e superamento) e si collega con la sensoristica territoriale. La prevenzione per noi è una cosa seria.

previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow

Hai bisogno di aggiornare il tuo Piano di Protezione Civile?

Valutate da soli quale è il livello di completezza del Piano di Emergenza e Protezione Civile del vostro Comune, rispetto alle possibilità offerte dai sistemi TEGIS.

Our values

Valori

Il Territorio dove si vive è una ricchezza assoluta che va tutelata, soprattutto perché stanno rapidamente cambiando i termini di riferimento di come si sta al mondo (cambio del clima, nuove tecnologie, nuove energie “verdi”, spostamenti di popolazioni, nuovi mestieri).

I Comuni sono i primi responsabili della tutela del territorio a loro affidato e devono prepararsi a gestire i cambiamenti in modo continuo. Non basta reagire alle emergenze dopo che si sono manifestate. La realtà che ci aspetta cambierà molto più rapidamente che nel passato, non ci si potrà far trovare sempre impreparati.

Questo vuol dire diventare più Resilienti ai cambiamenti, cioè sviluppare la capacità di adattarsi ai cambiamenti senza perdere la propria identità, accettando però di spostarsi verso un nuovo equilibrio: niente potrà rimanere “come prima”.

SPI vuole aiutare le Organizzazioni e soprattutto i Comuni (e le loro aggregazioni) a presidiare il loro territorio, in particolare preparandosi a gestire le situazioni che ora sono considerate “emergenze” ma che dovranno diventare la “nuova normalità”.

In particolare ci riferiamo a:

  • emergenze idrogeologiche
  • emergenze sanitarie
  • emergenze che colpiscono “fasce deboli” della popolazione
  • emergenze a seguito di calamità sul territorio (frane, terremoti)
  • emergenze a seguito di incidenti industriali ed incendi
Valori

SPI fornisce gli strumenti informatici per:

  • comprendere e rappresentare correttamente le minacce
  • prevedere gli impatti e pianificare le azioni di mitigazione e gestione
  • aiutare i team di soccorso a comunicare fra di loro e con la popolazione
  • comprendere i benefici della prevenzione rispetto a subire le emergenze

e le competenze professionali per preparare piani e progetti specifici.

Our values

Valori

Valori

Il Territorio dove si vive è una ricchezza assoluta che va tutelata, soprattutto perché stanno rapidamente cambiando i termini di riferimento di come si sta al mondo (cambio del clima, nuove tecnologie, nuove energie “verdi”, spostamenti di popolazioni, nuovi mestieri).

I Comuni sono i primi responsabili della tutela del territorio a loro affidato e devono prepararsi a gestire i cambiamenti in modo continuo. Non basta reagire alle emergenze dopo che si sono manifestate. La realtà che ci aspetta cambierà molto più rapidamente che nel passato, non ci si potrà far trovare sempre impreparati.

Questo vuol dire diventare più Resilienti ai cambiamenti, cioè sviluppare la capacità di adattarsi ai cambiamenti senza perdere la propria identità, accettando però di spostarsi verso un nuovo equilibrio: niente potrà rimanere “come prima”.

SPI vuole aiutare le Organizzazioni e soprattutto i Comuni (e le loro aggregazioni) a presidiare il loro territorio, in particolare preparandosi a gestire le situazioni che ora sono considerate “emergenze” ma che dovranno diventare la “nuova normalità”.

In particolare ci riferiamo a:

  • emergenze idrogeologiche
  • emergenze sanitarie
  • emergenze che colpiscono “fasce deboli” della popolazione
  • emergenze a seguito di calamità sul territorio (frane, terremoti)
  • emergenze a seguito di incidenti industriali ed incendi

SPI fornisce gli strumenti informatici per:

  • comprendere e rappresentare correttamente le minacce
  • prevedere gli impatti e pianificare le azioni di mitigazione e gestione
  • aiutare i team di soccorso a comunicare fra di loro e con la popolazione
  • comprendere i benefici della prevenzione rispetto a subire le emergenze

e le competenze professionali per preparare piani e progetti specifici.

Our History

Chi Siamo

Mar
2014

SSP_logo


Abbiamo iniziato con SSP che si occupava del rischio territoriale e delle infrastrutture critiche.

Giu
2016


Con GPEC abbiamo aggiunto l'analisi multirischio e l'effetto domino.

Sett
2019


SGE implementa tutto il processo di gestione delle emergenze.

Ott
2020


Con Tegis costruiamo la resilienza.

Servizi Professionali Innovativi (SPI) ha una esperienza decennale nella gestione di situazioni di emergenza, sia come consulenza che come fornitura di sistemi per la prevenzione e la gestione delle emergenze.

Profilo di Francesco Maria Ermani

Francesco Maria Ermani PhD

fondatore e CEO, ex Manager in Multinazionali ICT, Risk Manager, scenarista, docente di Comunicazione nell’emergenza nel master CBRNe presso l’università di Roma Tor Vergata, Security Manager certificato ISO 10459, esperto di metodi e strumenti per la Sicurezza Urbana Integrata, euro progettista, manager dell’innovazione (elenco MISE), coordinatore nella stesura di Piani della Protezione Civile. Dopo anni di esperienza sul campo, ha ritenuto fondamentale costruire una suite di soluzioni che operassero realmente e costantemente per l’innalzamento della resilienza delle Organizzazioni e dei Territori.

La prima versione dei sistemi per il risk management territoriale di supporto alla preparazione dei Piani di Emergenza Comunale (ora Piani Protezione Civile) risale al 2013 e da allora sono stati continuamente aggiornati e migliorati, fino ad arrivare, nel 2021, al sistema TEGIS, che permette di prevenire e gestire, con un’unica piattaforma GIS (georeferenziata) le emergenze comunali e sovracomunali, l’organizzazione della manifestazioni, la difesa delle fasce deboli della popolazione, ed il rischio sanitario (SARS COV2 e non solo).

SPI fornisce ai Comuni l’accesso immediato alle proprie soluzioni in Cloud, soluzioni che sono specializzate in base alle normative vigenti nelle regioni a cui appartengono i comuni. Le soluzioni sono continuamente aggiornate e tutti gli aggiornamenti sono immediatamente disponibili a tutti i Clienti.

SPI crede in un approccio consulenziale per aiutare i Comuni a gestire i diversi rischi alla sicurezza, e ha costituito un team di consulenti specializzati in:

  • Gestione e trattamento rischi territoriali
  • Gestione rischi in ambito Privacy (GDPR)
  • Gestione rischi in ambito Cyber
  • Preparazione Progetti per accedere a Finanziamenti

I Clienti SPI sono continuamente in crescita, in media del 20% all’anno, e annoverano anche Capoluoghi di Regione, di Provincia, e città con più di 250.000 abitanti.

SPI ha due sedi, nel Lazio e in Puglia e segue clienti in diverse regioni (Lazio, Puglia, Marche, Abruzzo, Lombardia, Piemonte, Sicilia) anche avvalendosi di partner territoriali.